Coltivazione bio della fragola: Nematodi contro i vermi bianchi

Larve di oziorrinco e maggiolino: il pericolo è dietro l’angolo

L’agricoltore, l’appassionato di orto, il goloso di fragole hanno una in comune una sola cosa, desiderano che questo frutto conservi la sua bontà e il suo naturale colore rosso intenso. Vediamo dunque alcuni dei parassiti che più gravemente attentano alla salute della fragola: le larve di oziorrinco e maggiolino. Questi coleotteri infatti sono maggiormente nocivi allo stadio larvale, da adulti risultano meno dannosi ma più resistenti, ragion per cui è conveniente intervenire tempestivamente. Le uova dei due insetti vengono deposti in terreni pieni di materiale organico, dunque spesso in zone fertili e coltivate. Si sviluppano da esse le larve, che nella stagione estiva, cominceranno a nutrirsi delle radici delle piante di fragole, causandone un progressivo appassimento e ostacolandone la crescita.

Riconoscimento delle larve

Come possiamo quindi riconoscere l’infestazione di questi parassiti così temibili per l’orto? È utile a tal fine sapere che le larve operano soprattutto in estate, e che agendo sulle radici della pianta, non sono facilmente individuabili. Rivoltando la terra tuttavia, può capitare di trovare le larve di maggiolino, vermi bianchi di circa 2 cm, con la testa rossa o quelle di oziorrinco, leggermente più piccole e dalla testa nera. Occorre anche distinguere questi tipi di larve, altamente offensive, da quelle, totalmente innocue (anzi utili per il terreno), della cetonia, che sono molto simili ma hanno gli arti atrofizzati e non sviluppati.

Soluzione naturale contro le larve: i nematodi

Nell’agricoltura biologica risulterebbe futile l’impiego di insetticidi (seppur biologici) per un insetto che vive nelle profondità della terra. Per fortuna è possibile intervenire in modo naturale tramite l’utilizzo dei nematodi (entomopatogeni), microscopici vermi che in pochi giorni sono in grado di attaccare e distruggere le larve dall’interno, agendo in modo parassitario. Questi insetti ausiliari sono acquistabili su internet (potete trovarli qui) e arriveranno come polverina bianca che, miscelata all’acqua, va applicata alla pianta nelle ore più fresche della giornata, evitando che il caldo e la luce ne minino l’efficacia. I periodi migliori per il trattamento sono la primavera, per eliminare le larve mentre svernano, o l’estate, per debellarle appena nate e ancora deboli.
Se tra luglio e settembre, doveste quindi notare un preoccupante deperimento delle vostre fragole, non lasciatevi prendere dal panico, ora sapete di cosa si tratta e come agire nel modo più efficace per continuare a godere di questi meravigliosi frutti.

Prodotti correlati

  • Kit lotta biologica al punteruolo rosso

    trappola e feromone
  • Nematodi contro il punteruolo rosso

    Agrisavings

    Agrisavings è l'ecommerce dedicato a prodotti naturali e biologici per l'agricoltura e l'orto

    Dove siamo